Determinismo, probabilità, incertezza … e medicina
Di Antonio Bonaldi, Presidente do Slow Medicine
Il pensiero sistemico ci fa prendere atto dei limiti della conoscenza, osservare con senso critico im risultati della ricerca e valutare le ricadute delle nostre decisioni senza illuderci di poter sconfiggere la sofferenza, la malattia e la morte. Insomma dobbiamo abituarci a convivere con l’incertezza, l’imprevisto, il mistero.

La complessita di cure e pazienti.
Una lettura sistemica
di Fulvio Forino Presidente Dedalo'97
Ideatore e coordinatore del Festival della Complessità

Riproponiamo ancora questo saggio questa volta accanto a un saggio di Antonio Bonaldi ritenendo che entrambi mettano in evidenza quanto sia decisivo adottare un pensiero sistemico per affrontare la complessità dei problemi che si pongono in medicina e nei servizi sanitari.
LEGGI TUTTO


Dalle discipline ai sette saperi transdisciplinari
Di Giuseppe Gembillo, Annamaria Anselmo, Giuseppe Giordano
Il conoscere non consiste in un metodo definito una volta per tutte, ma in un percorso che si traccia camminando. Ancora un capitolo del  libro Complessità e Formazione che parte da una riflessione sul modo d’apprendere e di conoscere, sul senso stesso del conoscere e sui suoi limiti.  LEGGI TUTTO

 

Autopoiesi e definizione del vivente
Una panoramica sull’ autopoiesi biologica e la sua relazione con la cognizione
Di Pier Luigi Luisi
Un saggio che parte dal  domandarsi:  “what is life?”, “cos’è la Vita?” Come si può comprendere, con parole e con concetti, questa cosa così complessa e difficile?  È possibile fare questo? E unita a queste, la domanda sulla cognizione: come il vivente  riconosce  il proprio ambiente? Come riconosce gli altri viventi e li distingue?

IL sistema nazionale della protezione civile:
un sistema complesso
Di Laura Pecoraro
I recenti terremoti del centro d’Italia hanno evidenziato quanto siano poco conosciuti la struttura, il funzionamento e il  modo  d’operare della Protezione Civile che,
come evidenziano le slide qui  proposte, ha un’impostazione in tutto e per tutto sistemica.

Come respira una piuma
Di Marcello Florita
Cari Francesca e Filippo, oggi è Natale e vi racconto una storia, la storia della nascita e di un miracolo che non s’è compiuto: una storia di fiducia e di fatiche, una storia di due vite appese a unrespiro di piuma.
LEGGI TUTTO                                                  COVER BOOK

 


 

I LABORATORI DI DEDALO 97
Curare e prendersi cura: scienza e arte?
S’è tenuto a Roma il primo incontro del Laboratorio d’Autoapprendimento tra Paria che ha registrato 21 iscrizioni …..  Quando metto mano a un paziente lui sente ma
anche io sento ….. Spesso non ci troviamo a gestire patologie e problemi indipendenti gli uni dagli altri ma dobbiamo gestire grovigli che consistono in sistemi
complessi di situazioni dinamiche, di patologie e di problemi  mutevoli e tra loro interagenti. Rispetto a questi  grovigli la singola patologia e il singolo problema sono
astrazioni estratte  mediante l’analisi che stanno ai grovigli come i bulloni stanno a un motore o un foglia a un albero.